Giovanni Masuno e il codice della mente

Giovanni Masuno, dopo il successo del ciclo di Infinity, porta ad Anghiari, città simbolo di leonardiana memoria, opere sul celebre Maestro di Vinci.

Una trentina di tele , ispirate alla ricerca, alla storia e ai codici di Leonardo.

A Palazzo Pretorio, trovano domus naturale le sue ricerche, le riflessioni fatte alla luce delle candele, consultando manoscritti e ingiallite fotocopie.

Un sapere che parte da lontano diventa disegno e il colore significato di attitudini e vita di Leonardo.

Il codice della mente senza tempo dello stesso incontra l’approccio reticolare, mentale e multidisciplinare di un artista che coniuga passione, storia e scienza, nell’infaticabile lavoro di una ricerca dell’uomo e per l’uomo.

Nascono così cicli e personali dedicati a Leonardo da Vinci con capacità tecniche, attenzioni e focus pittorici chiari, in una sorta di libro da sfogliare che, dalle origini biografiche e leggendarie, porta Leonardo ad incontrare i giorni nostri, nell’essenza indiscutibile di una pionieristica intelligenza.

Giovanni Masuno si inserisce fra i protagonisti all’interno di una direzione artistica complessa, e per la sua capacità dell’uso del simbolo e del racconto d’arte è uno dei maestri più interessanti, colti e importanti della sua generazione.

Prof.Giammarco Puntelli